Vai al contenuto

Meier in black.

L’ha fatto.
Richard Meier: il mio unico e solo mito in fatto di architettura ha tradito ogni mia certezza.

Meier, l’architetto degli edifici geometrici, progettati su maglie regolari lievemente ruotate, rivestiti di quadrati di alluminio.
Lui, il mago del bianco, con poche e rare eccezioni concesse alle pietre naturali, ovviamente bianche.

Saltzman House - East Hampton, New York

Io ero ancora un piccola bambina traballante quando Meier progettava case unifamiliari come questa: Saltzman House – East Hampton, New York.
La purezza delle linee e delle forme che si rifacevano all’architettura di Le Corbusier erano una vera novità per quegli anni.

The Atheneum - New Harmony, Indiana.jpg

Ero una studentessa alle prime armi quando scoprivo The Atheneum – New Harmony, Indiana: un’opera che avrebbe modificato il mio futuro essere architetto.
Ancora oggi i miei occhi si illuminano nel vedere questa immagine, che racchiude in sé tutto ciò che significa per me questo mestiere. E ancora oggi mi emoziono rendendomi conto di poter ridisegnare questo prospetto ad occhi chiusi.

Sono stata alla Cornell University, per vedere di persona dove Lui si fosse formato: edifici universitari classici immersi in un parco degradante verso un lago calmo e sereno come la sua architettura.
Qualsiasi città io abbia visitato, c’è sempre stato qualche edificio di Richard Meier da visitare.
Los Angeles, Barcellona, Parigi, Roma: la sua architettura bianca ha accompagnato molti dei miei viaggi.

Il suo più recente progetto è stata una vera sorpresa, inaspettata ma degna di un grande architetto che si conferma come tale:
685 First Avenue – New York, New York è un edificio NERO.

685 First Avenue - New York, New York 1

685 First Avenue - New York, New York

I 42 piani destinati a residenze di lusso sono rivestiti in pannelli di alluminio e vetri neri e costituiscono il primo edificio completamente nero progettato da Richard Meier, oltre che la torre più alta progettata in New York dall’architetto.

White is the most wonderful color because within it you can see all the colors of the rainbow. The whiteness of white is never just white; it is almost always transformed by light and that which is changing; the sky, the clouds, the sun and the moon.
|Il bianco è il colore più bello, perché al suo interno si possono vedere tutti i colori dell’arcobaleno. Il candore del bianco non è mai solo bianco; è quasi sempre trasformato dalla luce e da quello che sta cambiando; il cielo, le nuvole, il sole e la luna.|
(estratto dal discorso per la consegna del Pritzker Award, 1984)

Caro Richard,
attendo trepidante una spiegazione per questo inatteso cambio di stile.
Perché sono certa che saprai sorprenderci anche stavolta.
Patrizia, una tua fan accanita.

Credits: Richard Meier & Partners Architects

3 risposte »

Dai, dai... dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Patrizia Burato a Roma, RM, IT su Houzz

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Quanti siamo?

  • 357,670 coraggiosi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: