Vai al contenuto

Librerie di design: si può!

La libreria, il mio cruccio.

Io, che in casa ho una libreria di Ikea acquistata per disperazione.
Io, che ho tenuto per mesi i libri impilati sul pavimento. Considerandoli elemento di design.
Io, che organizzo le pile di libri – o gli scaffali della libreria – per temi.
Io, che amo i libri vissuti, pieni di commenti e di pagine piegate pro memoria.
Io, che ho un figlio che odia leggere.
Io, che un libro intero lo leggo durante un viaggio in treno Bologna-Roma.
Io, che non sopporto il kindle, perché il libro deve essere di carta.

Insomma, io, che subisco il fascino della carta stampata, anche se ormai il tempo per leggere è ridotto drasticamente.

La mia libreria Ikea original è lì da anni. Certa che l’avrei presto cambiata, oramai non la noto neanche più. E quella sua temporaneità è stata superata dalla pigrizia.

Il problema è che in realtà sono fissata con alcuni punti fermi.
La Mia libreria deve essere bianca ma non troppo, esile, originale, moderna, vivace e solida. Insomma, una libreria di design come ne ho trovate sul sito libreriedesign.com.

Faccio qualche esempio?

Kalevi è uno scaffale componibile in metallo. Solido, leggero, stabile, sobrio e disponibile in vari moduli potrebbe proprio fare al caso mio.

Indiscutibilmente moderna, la trovo adattissima per un ambiente classico.

 

In effetti, però, anche Domino by Esedra potrebbe fare al caso mio.
Si tratta di una libreria componibile con struttura in lamiera piegata e contenitori in legno laccato di varie dimensioni e colori.

Mi piace l’introduzione del colore demandata ad alcuni elementi isolati.

 

E vogliamo parlare di Wallboarding C di MotusMenti? Una composizione di mensole flessibili a muro in grado di dare personalità anche al più banale degli ambienti.

La considero un elemento originale ma non eccessivo.

 

Ma veniamo a quella che più di tutte mi ha conquistata: la libreria ABC di Saporiti. Si tratta di mensole-cubo da parete in legno laminato, nei colori bianco  nero.
Ed io me ne sono innamorata, per la sua versatilità e originalità.

Lettere componibili a formare le parole che più amiamo: proprio l’Idea perfetta per una libreria!

 

In effetti è stato facile soddisfare le mie esigenze, no?
Ora non resta che scegliere!

Credits: libreriedesign.com

 

 

 

 

 

2 risposte »

  1. In casa ho una libreria, di cui non ricordo il nome, composta di tavole di legno nere – ma c’erano anche altri colori – che poggiano su mensole argentate fissate al muro da aste. In ogni casa dove ho abitato – e sono state parecchie – mi sono divertito a comporle in maniera differente. Uno punto in comune: sempre colme di libri
    Quelle che hai presentato sono tutte notevoli.

    Liked by 1 persona

Dai, dai... dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Patrizia Burato a Roma, RM, IT su Houzz

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Sei curioso?

L'architettura a portata di mouse!

|architettura e formazione continua a portata di mouse|

Consigliato da Archidipity

|per non smettere mai di imparare|

Quanti siamo?

  • 339,786 coraggiosi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: