Vai al contenuto

The italian design: Horm.

| English version inside

Eccoci di nuovo a parlare di qualcosa che proprio non mi piace: i mobili contenitore.
E penso anche a tutti quei Clienti ed amici che mi hanno detto Pattiiii, mi consigli un mobile dove mettere tutti i miei piattiiii???
NO, no e poi no: io non consiglio un parallelepipedo informe con le zampe!

Poi, sul mio orizzonte compare Horm, nome a me assolutamente sconosciuto fino a qualche mese fa.
Horm, azienda friulana, è nata nel recente 1989, e, da allora, ha vinto ben tre premi Compasso d’Oro, il più autorevole premio di design al mondo.
Che siano forme pure o sculture domestiche, l’elemento comune è il legno, affiancato da vetro, pietre e metalli. Le collezioni esclusive sono caratterizzate da tecnologie avanzate, ma anche precisione artigianale e cura del dettaglio.

| Here we are again to talk about something that I do not like: storage units.
And I also think to all those clients and friends who have told me Pattiiii, would you suggest me a piece of furniture where I can put all my dishessssss??
NO, no and no: I do not recommend a shapeless box with legs!

Then, on my horizon appears Horm, name completely unknown to me until a few months ago.
Horm, Friulian company, was born in the recent 1989 and, since then, has won three Compasso d’Oro awards, the most influential design award in the world.
Pure forms or domestic sculptures, the common element is wood, flanked by glass, stones and metals. The exclusive collections are characterized by advanced technology, but also handcrafted precision and attention to detail.

Horm, in aramaico antico, significa recinto sacro con diritto di asilo. E, a guardare dentro questo recinto, si rischia di uscire di senno: nomi come Mario Bellini, Mario Botta, Steven Holl, Toyo Ito, Matteo Thun, Karim Rashid, Sebastian Errazuriz, oltre a quelli di giovani e poliedrici designers sono i designers di questi arredi che hanno, senza dubbio alcuno, una marcia in più.

E, tornando ai miei parallelepipedi informi, ragazzi… una vera rivelazione!
Giuro che non saprei più quale scegliere.

| Horm, in ancient Aramaic, means sacred enclosure with right of asylum. And, looking inside this fence, you are likely to get out of your mind: names such as Mario Bellini, Mario Botta, Steven Holl, Toyo Ito, Matteo Thun, Karim Rashid, Sebastian Errazuriz, as well as those of young and multi-faceted designers are designers of this furniture that have, without any doubt, a plus.

And, returning to my shapeless boxes, guys … a revelation!
I swear that I would not know which one to choose.

Prendiamone uno a caso: Polka Dots Fullwhite di Toyo Ito (2014).

Sulle ante della struttura minimale del mobile, il mio odiato parallelepipedo appunto, viene inserita una serie disordinata di inserti circolari che ricordano i pois. Questa moltitudine di pois, che sembrano volare verso l’alto, crea un suggestivo gioco di luci ed ombre all’accensione delle luci interne.

| On the doors of the minimal structure of the cabinet, my hated box indeed, is inserted a set of disordered circular inserts that recall the polka dots. This multitude of dots, which seem to fly upward, creates a fascinating play of light and shadow when turning the interior lights on.

Poi c’è Carlos di Renato Zamberlan (2014).

Ispirato alla Op Art di Carlos Cruz-Diez, permette allo spettatore di interagire con il mobile stesso: al variare del punto di vista varia il colore del mobile, ricordando così l’effetto di un sipario in movimento.

| Inspired by the Op Art of Carlos Cruz-Diez, allows the viewer to interact with the cabinet itself the color of the cabinet depends on point of view changes, thus recalling the effect of a moving curtain.

E Tide di Karim Rashid (2006)?

Movimento e dinamicità sono affidati allo sviluppo frontale, realizzato con sottili lamine equidistanti, in perfetto stile Rashid.

| Movement and dynamism are entrusted with the development of the front, made of evenly-spaced thin sheets, in perfect Rashid style.

Ma non solo… ci sono anche Not Riddled di Steven Holl (2007)…

Ante plasmate a forma di diamante che si aprono e si chiudono senza cerniere: Steven Holl è riuscito a modellare un foglio di legno-tessuto che si piega grazie ad incisioni laser, creando così una sorta di origami.

| Diamond shaped doors that open and close without hinges: Steven Holl is able to shape a sheet of woodfabric that bends thanks to laser engraving, thus creating a kind of origami.

…e Riddled Front di Steven Holl (2007).

Un ulteriore passo nella tecnologia aggiunge al mobile precedente dei trafori nel legno, che permettono alla luce di passare creando un’esplosione di giochi d’ombre attorno al contenitore.

| A further step in technology adds to previous cabinet holes in the wood, allowing light to pass through creating an explosion of games of shadows around this furniture.

Last but not least, A/R di Diego Vencato (2011).

Un sistema di apertura inusuale – un foro, che tirato per istinto a sé, apre inaspettatamente l’anta dalla parte opposta – e la chiusura – tramite una leggerissima pressione sul bordo dell’anta – rendono questo contenitore, apparentemente banale, un mobile estremamente originale in grado di generare stupore e meraviglia.

| An unusual opening system a hole that pulled instinctively, unexpectedly opens the door on the opposite side and closing via a slight pressure on the edge of the door make this container, seemingly trivial, a highly original piece of furniture able to generate awe and wonder.

Immagino che ora sia chiaro come-quando-perchè io abbia cambiato idea sui parallelepipedi informi con le zampe.
Ma le belle notizie non finiscono qua… Esiste l’Outlet! E che Outlet!!!
Horm ha un servizio quasi personalizzato che, tramite Skype, permette a chiunque di visitare l’outlet stando comodamente seduti sul divano.
Il prodotto che volevate non c’è? Verrete avvisati appena sarà disponibile a prezzo scontato!
E non ci sono solo mobili contenitori…

Fine delle belle notizie.
C’è solo una brutta notizia: il mio conto in banca verrà messo a dura prova. Punto.

| I guess now it is clear how-when-why I’ve changed my mind on shapeless boxes with legs.
But the good news does not end here … There is the Outlet! And what an Outlet!
Horm has an almost personalized service that, via Skype, allows anyone to visit the outlet while sitting on the couch.
The product that you wanted is not there? You will be notified when it becomes available at a discounted price!
And there are not only storage units

End of good news.
There is only one bad news: my bank account will be put to the test. Fullstop.

Credits: Horm.

1 risposta »

Dai, dai... dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Patrizia Burato a Roma, RM, IT su Houzz

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Sei curioso?

L'architettura a portata di mouse!

|architettura e formazione continua a portata di mouse|

Consigliato da Archidipity

|per non smettere mai di imparare|

Quanti siamo?

  • 339,234 coraggiosi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: