Vai al contenuto

Architè! Ma davero ce credeva che…

…in Italia fossero cambiate le regole del gioco?
Ma davero davero pensava che l’appalti de Milano fossero regolari?

No, ad esser sincera non ci credevo.
Ma, in fondo, neanche me lo chiedevo più di tanto. Preferivo non sapere.
O meglio, preferivo non avere conferme.
Era da almeno tre anni, forse quattro, che sentivo parlare dell’inutilità di partecipare alle gare per i progetti o i lavori dell’Expo milanese.
Ma volevo credere che le voci giungessero dagli invidiosi. Da tutti coloro che, per mancanza di bravura, erano stati esclusi.

Già… la bravura…
Come se servisse a qualcosa essere bravi.
In Italia poi.
Nel mondo degli architetti e degli appalti poi.
Figuriamoci.

Ed ora eccoci qua. In fondo tutti sapevamo.
E, in fondo, ci pareva che fosse quasi normale.
Qualcuno, parlando dell’impresa coinvolta nei fattacci, ha commentato ‘Poveraccio‘. Facendomi riflettere sull’eventualità che quel signore vicentino non avesse scelta, che magari, pur di non soccombere, credesse di dover sottostare a quelle regole balorde.
Ma poi penso all’impresa che pare sia riuscita a presentare – in una gara per L’Aquila – l’offerta economica dopo l’apertura delle offerte degli altri partecipanti, grazie ad un membro della commissione giudicatrice molto connivente.

E mi dico che, no, in Italia certi usi e costumi non cambieranno mai.
Ci evolveremo e diventeremo sempre più sofisticati nella promozione dell’illegalità.
Dei veri professionisti dell’illecito.
Perché in questo sì che serve essere bravi.

orizzonte

5 risposte »

  1. Tutto molto triste. Tutto molto vero. Tutto molto amaro.
    Professionalità e creatività, talento e intelligenza, magari anche gentilezza e disponibilità, non sono apprezzati in Italia. Da grafico e illustratore ho vissuto e vivo sulla mia pelle una situazione analoga. E la sensazione è che non sia solo una questione di corrotti e corruttori, poche mele marce etc etc. Si tratta di un vero e proprio sistema, di una forma mentis che prende poi vita attraverso mille forme, dalla burocrazia assurda alla tassa-balzello, tutte con una unica, triste matrice: sopravvive il più furbo.

    Mi piace

  2. E’ vero quello che scrivi ma è altrettanto vero che molti pur di partecipare alla torta accettano di tutto. L’illegalità trova terreno fertile tra chi è disponibile. Se scorriamo i nomi, sono gli stessi, da una parte e dall’altra, di vent’anni fa. Sarà un caso?
    Non venga fuori la scusa “siamo stati costretti a pagare”, perché basta non accettare e denunciare subito per stroncare l’illecito. Io ragiono così. sarò sciocco, sarò un poveraccio ma preferisco essere così.

    Mi piace

Dai, dai... dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Patrizia Burato a Roma, RM, IT su Houzz

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Quanti siamo?

  • 357,670 coraggiosi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: