Vai al contenuto

Stella McCartney & APA London

| English version below |

È iniziato tutto qualche giorno fa…
Io pubblicavo su Faccialibro l’immagine di una mia richiesta per Natale: la famosa borsa Falabella* di Stella McCartney. Da lì scaturiva un nutrito scambio di opinioni con la mia amica Raffaella di Kitchen Tips, che portava alla nascita della mia ricerca per il post di oggi (Grazie Raffa!).

Stella McCartney, Falabella

Ho così scoperto che anche Stella McCartney ha i suoi architetti di fiducia, lo studio APA di Londra. Sono stati loro a progettare i suoi Flagship Stores di (in ordine rigorosamente alfabetico) Barcellona, Bejing, Brompton Cross, Copenhagen, Harrods, Milano, Las Vegas, New York, Parigi, Roma, Selfridges, Roppongi Hills, Singapore, Shanghai, Stoccolma, Tokyo. Inoltre, le installazioni Adidas by Stella McCartney e CARE by Stella McCartney.
Insomma, considerata la profonda stima che nutro per Stella, devono essere bravi per forza!

APA è uno studio nato nel 2001, con sede a Soho. Come scrivono nel loro sito, il loro obiettivo, fin dall’inizio, è stato quello di essere indipendenti, ottimisti e liberi. Lo siamo ancora e questo è anche il nostro obiettivo futuro. Noi cerchiamo realizzare edifici con un forte scopo, significato ed emozione. La nostra sfida è di mantenere la semplicità e la freschezza dell’obiettivo in ogni progetto che intraprendiamo.

I negozi realizzati per Stella McCartney hanno tutti le medesime caratteristiche.
L’uso sapiente della luce contribuisce a creare un senso di apertura. La perdita della sensazione di peso, dovuta alla sospensione di ogni elemento di arredo, permette allo spazio di dominare. Vetri, specchi, cristalli sono ovunque. Gli arredi, le strutture per appendere gli abiti, le facciate esterne ricorrono in quasi tutte le città.
Ciò che caratterizza tutti gli stores è anche ciò che caratterizza lo stile di Stella McCartney. I suoi abiti sono leggeri, apparentemente poco impegnativi, indossabili di chiunque. Sono abiti che lasciano emergere la personalità di chi li indossa.
Anche la collezione per bambini è estremamente semplice, ma non banale. Sono abiti perfettamente adeguati alle esigenze di piccoli individui già autonomi seppur molto giovani. [Come sto andando, Simona?]
Ed il senso di giocosità non manca mai, sia nei sui capi che nei suoi negozi.

Difficile sceglierne uno, ma, in effetti, più di tutti mi ha colpito l’intervento di Las Vegas, per la stretta collaborazione tra la stilista ed i progettisti.
Il negozio si trova all’interno del The Crystals City Center, tra le facciate inclinate di due torri di cristallo. Anche qui, l’esterno è rivestito da piastrelle di ceramica in rilievo a forma di rombi.
Al centro dello spazio si trova un cavallo di cristallo il cui nome, Lucky Spot, è il nome del cavallo di Linda, la mamma di Stella: al di sotto di un soffitto alto 14 piedi, sono appesi a mezz’aria i cristalli che formano un famoso dipinto equestre. Arte, gioia e gioco vengono fusi con le ultime collezioni della stilista.
Il pavimento è realizzato con un disegno a spina di pesce, con colori che variano dal crema al rosso, che accompagna i clienti verso l’interno. Non mancano salotti con classici mobili inglesi e appendiabiti in ottone, così come non mancano i colori rosso, turchese, grigio e legno nella zona dei camerini.

Insomma, che ne dite? Architettura e Fashion… è o non è un binomio perfetto?

* Ringrazio pubblicamente le mie amiche Roberta e Francesca per avere demolito la mia considerazione della borsa Falabella!

Credits: le immagini sono tratte da APA London, Stella McCartneyDezeen.

| It all began a few days ago…
I published on Facebook the image of my request for Christmas: the famous Stella McCartney Falabella* bag. From there sprang a rich exchange of views with my friend Raffaella of Kitchen Tips, which led to the birth of my research for today’s post (Thanks Raffa!).

Stella McCartney, Falabella

I discovered that Stella McCartney too has her trusted architects, APA London. They are the ones who designed her Flagship Stores in (in strictly alphabetical order) Barcelona, Bejing, Brompton Cross, Copenhagen, Harrods, Milan, Las Vegas, New York, Paris, Rome, Selfridges, Roppongi Hills, Singapore, Shanghai, Stockholm, Tokyo. In addition, installations of Adidas by Stella McCartney and CARE by Stella McCartney.
In short, given the profound esteem for Stella, they must be great necessarily!

APA is an architectural practice established in 2001, based in Soho. As they write on their website, their goal from the beginning was to be independent, optimistic and free. We still are and this is also our future objective. We seek to provide buildings with a strong sense of purpose, meaning and emotion. Our challenge is to retain simplicity and freshness of purpose in each project we undertake.

Shops made for Stella McCartney have all the same characteristics.
The use of light helps to create a sense of openness. The lack of the sense of weight, due to the suspension of each piece of furniture, allows the space to dominate. Glass, mirrors, crystals are everywhere. Furnishings, clothes rails, external facades occur in almost all cities.
What characterizes all of the stores is also what characterizes the style of Stella McCartney. Her clothes are light, seemingly undemanding, wearable for anyone. They are clothes that leave out the personality of the wearer.
Even the children’s collection is extremely simple, but not trivial. Clothes are perfectly tailored to the needs of small individuals already independent although very young. [How am I doing, Simona?]
And the sense of playfulness is never missing, both in her garments and in her stores.

Hard to select only one, but, in fact , most of all I was struck by the intervention of Las Vegas, for the close collaboration between the designer and the architects.
The store is located inside The Crystals City Center, between two inclined 30 storey crystal towers. Again, the external facade is covered with rhombus ceramic tiles.
At the center of the space there is a crystal horse whose name, Lucky Spot, is the name of Linda’s horse, the mother of Stella: under a 14 foot ceiling space, the crystals are suspended mid air to describe in light the form of a famous equestrian painting. Art, joy and play are blended with the latest collections of the designer .
The floor is made with a herringbone design, with colors ranging from cream to red, accompanying clients to the inside. There are lounges with classic English furniture and brass clothes rail, as there are plenty of red, turquoise, gray and wood in the area of the dressing rooms.

I mean, what do you think? Architecture and Fashion… is or is not a perfect match?

* I thank publicly my friends Roberta and Francesca to have demolished my consideration of Falabella bag!

Credits: Images are taken from APA LondonStella McCartney e Dezeen.

2 risposte »

Dai, dai... dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Patrizia Burato a Roma, RM, IT su Houzz

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Sei curioso?

L'architettura a portata di mouse!

|architettura e formazione continua a portata di mouse|

Consigliato da Archidipity

|per non smettere mai di imparare|

Quanti siamo?

  • 339,287 coraggiosi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: