Vai al contenuto

Twin, Nuda e Spin by Ceramica Flaminia

|english version below|

Cosa sono? Sanitari da bagno!
I designers sono Ludovica Serafini e Roberto Palomba: architetti e designers, collaborano dal lontano 1994 e sono una vera ed inarrestabile fucina di idee.
Premi su premi… Compasso d’Oro, Red Dot, Design Plus…
Creano oggetti di design per le più importanti aziende italiane, tra cui Kos, Zucchetti, Zanotta, Driade, Flaminia, Boffi, Kartell…
Beh… dire che li ammiro è riduttivo. Non credo che riuscirei ad essere così prolifica, considerato anche che il design non è certo il mio cavallo di battaglia!

Potrei scrivere post sugli oggetti da loro disegnati da qui fino alla prossima fine del mondo. Molti di essi sono entrati di diritto a far parte della storia del design, e fa sempre piacere ritrovarli nelle case che mi capita di visitare.
Ma ce ne è una, di queste case, in cui la progettista ha veramente esagerato, inserendo i sanitari elencati nel titolo: Twin, Nuda e Spin di Ceramica Flaminia. Tanto per confermare e ribadire la profonda stima nei confronti dei due designers!
Avete indovinato? Sto parlando della mia casa, e la progettista in questione sarei io!

Incominciamo da Twin: un lavabo perfetto. Circolare, può essere da appoggio, da incasso, semincasso e sospeso. E’ un lavabo abbastanza piccolo (il più grande ha un diametro di 52 cm), ma, nonostante ciò, non costringe alla doccia ad ogni lavaggio di mani (capita, capita…).
Il primo esemplare fu creato nel 1997, seguirono poi le innumerevoli varianti, inclusa quella della colonna cilindrica intera con il lavabo sulla sommità.

Poi c’è Nuda: un lavabo dalle forme pure e sinuose. Grande, io l’ho voluto grande, il più grande che c’è!
Ed ora, che lo utilizzo da ormai tre anni, posso dire che avrei dovuto installare il doppio rubinetto, perché si può facilmente utilizzare in due. Soprattutto se l’altro ha sei anni! Può avere il foro per il rubinetto, ma io suggerisco il rubinetto a parete, per lasciare che la sua forma perfetta rimanga intatta.

E, per concludere, Spin: sanitari sospesi, con linee morbide e massima funzionalità. Il loro pregio più grande? Sono perfetti con qualsiasi genere di lavabo. Sarebbero stati ottimi anche se avessi scelto il lavabo Acquagrande, una delle prime creazioni di Roberto Palomba (e Giulio Cappellini), risalente al 1997.

Ebbene. Io non amo le forme curve, questo è un fatto.
Eppure, in un contesto geometrico ed estremamente razionale, ritengo che forme curve, ma pure nella loro sinuosità, siano il giusto tocco di follia che ognuno di noi può concedersi senza rischiare di sbagliare.

Parleremo ancora dei nostri Ludovica e Roberto…

What are they? Bathroom elements!
The designers are Ludovica Serafini and Roberto Palomba: architects and designers working together since 1994, they are a true melting pot of unstoppable ideas.
International awards… Compasso D’Oro, Red Dot, Design Plus ..
They create design objects for the most important Italian companies, including Kos, Zucchetti, Zanotta, Driade, Flaminia, Boffi, Kartell …
Well … needless to say that I admire them. I do not think I could be so prolific, especially considering that design is not my piece de resistance!

I could write posts on objects drawn from them from here until the next end of the world. Many of them have entered the right to be part of the history of design, and it’s always nice to find them in homes that I visit.
But there is one of these houses, in which the designer has gone too far, entering the objects listed in the title: Twin, Nuda and Spin by Ceramica Flaminia. Just to confirm and reiterate the profound esteem for the two designers!
You guessed it? I’m talking about my home, and the designer… it’s me!

We begin with Twin: a perfect sink. Circular, it can be free-standing, undercounter, semi-inset and inset. It’s a sink small enough (the largest has a diameter of 52 cm), but, nevertheless, it does not force to have a shower if washing hands (it happens, it happens!).
The first model was created in 1997, then followed the countless variations, including the cylindrical column with wash basin on top.

Then there’s Nuda: a sink with pure and sinuous lines. Big, I have always wanted big, the biggest there is! And now that I have been using it for three years, I can say that I had to install the double tap, because you can easily use it in two. Especially if the other is six years old! It can have the hole for the tap, but I suggest the tap on the wall, to let its perfect shape remains intact.

And, finally, Spin: wall hung bidet and wc, with soft lines and maximum functionality. Their biggest value? They are perfect with any kind of sink. They would be good even if I had chosen the sink Acquagrande, one of the first creations of Roberto Palomba (and Giulio Cappellini), dating back to 1997.

Well. I do not like the curved shapes, this is a fact.
Yet, in a geometric and extremely rational context, I think that curved shapes, but pure in their sinuosity, are just the right touch of madness that each of us can accept without the risk of being wrong.

We will talk more of our Ludovica and Roberto …

1 risposta »

Dai, dai... dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Patrizia Burato a Roma, RM, IT su Houzz

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Quanti siamo?

  • 357,670 coraggiosi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: