Vai al contenuto

Le porte interne

Tutto ebbe inizio dall’immagine qui sotto. La trovai in una pubblicazione su Tricia Guild, interior designer britannica (il titolo è In town).

Tricia Guild

Ero ai primi anni di professione, e rimasi conquistata da questa porta altissima che permetteva la continuità del soffitto, creando quindi anche la continuità degli ambienti. Era un fuori scala che non turbava le proporzioni degli spazi.

Ma c’era un altro elemento che mi aveva colpito in quell’immagine, ovvero l’assenza di mostre.
[Si definiscono mostre le cornici fisse a muro che, circondando la porta, permettono di coprire tutti gli elementi che servono per il fissaggio della porta stessa al muro. Vengono anche chiamate coprigiunti].
Essendo le porte un elemento architettonico in grado di influenzare l’intero design di un ambiente, l’assenza di mostre permette, secondo me, di mantenere le porte come degli elementi neutri che si integrano perfettamente nella superficie muraria. Demandando così la caratterizzazione degli spazi ad altri elementi. Non dimenticando che, d’altra parte, anche il loro integrarsi può diventare una caratteristica peculiare.

Non ebbi mai la possibilità di sperimentare tali soluzioni, finché non divenni Cliente e Committente di me stessa.
Il progetto di casa mia partì proprio dalle porte a tutt’altezza e senza mostre.
Un punto di partenza architettonico, ma anche economico: i fuori misura hanno anche un costo fuori misura!

porte a tutt'altezza

Eccole qui, le mie amate porte. Sono alte 2.60 metri, a filo con il controsoffitto. L’unico difetto, se così si può definire, è il profilo orizzontale in alluminio, che interrompe la perfetta continuità della superficie. Ma riesco a sopportarlo!
[Per i più curiosi, sono le Rasomuro di Lualdi]

Vediamo qualche esempio di porta insieme?

Lualdi, Rasomuro

Non potevo che incominciare da una porta analoga alle mie. In questo caso, la vediamo in proporzioni standard. Sempre bellissima, perfettamente complanare con la parete, senza altri elementi aggiuntivi (maniglia a parte!).

Lualdi, Rasotouch

Questa porta è l’evoluzione della precedente. Come non innamorarsene perdutamente? Da notare l’assenza della maniglia. Fantastica!

Lualdi, LCD62

Ecco un esempio di porta con mostre. Non ho potuto fare a meno di scegliere una porta alta quanto il soffitto. Se fosse stata di altezza standard, avrebbe avuto anche la mostra orizzontale. Comunque molto pulita e sobria.

Lualdi, Outline

Cambiando completamente genere, abbiamo un esempio di porta che fuoriesce dal piano della parete, quasi fosse un pannello applicato. Non a caso ce la fanno vedere rossa, perchè è una porta fortemente caratterizzante lo spazio.

L'InvisibileEcco un esempio di porta completamente invisibile (chissà come mai il marchio contiene proprio questa parola…. 😉 ). Bella.

L'Invisibile

Sempre una porta invisibile. In questo caso, la caratteristica è data dal punto attorno al quale ruota per aprirsi: non ruota su cerniere adiacenti al muro, ma attorno ad un asse verticale spostato verso il centro del pannello (si definiscono porte a bilico).

Barausse, Secret

Un altro esempio di porta costituita esclusivamente dal pannello mobile.

Barausse, Ice

Ed ecco finalmente una porta tradizionale. Anche se poi così standard non è: le cerniere, che normalmente si trovano lungo il fianco, sono in alto ed in basso, tendendo quindi a scomparire. Le mostre verticali arrivano fino al filo superiore, mentre la mostra orizzontale viene delimitata da esse (nota: niente taglio a 45 gradi!).

Lualdi, Avenue

Ed ora tutti mi direte Oooohhh, questa sì che è una porta!!!
Effettivamente non è poi così brutta, anzi. E’ un moderno richiamo alle porte di una volta. Va inserita nel contesto adatto!

porta rossa

Beh, questa è giusto per scherzare! Divertente e caratteristica, ma decisamente fuori tema! 😀

Ora, i compitini per casa: andate e guardate bene le vostre porte.
Quanto sono alte? Quanto sono larghe?
Ci sono le mostre? Come sono? In alto sono unite a 45 gradi, con un taglio orizzontale o con un taglio verticale?
Le cerniere? Laterali oppure in alto/in basso?
Le mostre sono dello stesso colore della porta? Ed il battiscopa, di che colore è?
L’anta è liscia o lavorata? Ci sono degli inserti, magari in vetro?
Legno o laccate? Lucide o opache?

Visto? Pensavate che fosse semplice dire porta, vero? 😉

 

Le immagini: per saperne di più, basta cliccare sulla foto.

Ps: qui la nascita di questi appuntamenti settimanali.

7 risposte »

  1. Le mie sono tutte sollevate più di un cm da terra perché ho stracciato via la moquette blu della precedente proprietaria. Molto comoda quella del bagno, visto che la serratura è difettosa e gli ospiti rimangono regolarmente chiusi dentro: basta farsi passare la chiave da sotto.
    Vuoi che aggiunga altro? 🙂

    Mi piace

  2. Sai che a prima vista quella prima foto non avevo capito tutto quel mondo che avevi scritto tu… manco mi ero accorta che quella porta era altissima… adesso che lo vedo, sai che non mi dispiace???? e bellissima la tua porta!!! Bella anche l’idea della mancanza della mostra, non mi è mai piacciuto quella cornice attorno… queste della casa dove sto adesso eranno belle ma da quando sono nati i mostricciatoli la casa ha bisogno di un bello restauro. o è colpa mia che non sono stata una brava donna di casa? boh!!! quando capiro come si chiamano le mie porte te lo spiego pure a te 😛

    Mi piace

Dai, dai... dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Patrizia Burato a Roma, RM, IT su Houzz

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Sei curioso?

L'architettura a portata di mouse!

|architettura e formazione continua a portata di mouse|

Consigliato da Archidipity

|per non smettere mai di imparare|

Quanti siamo?

  • 339,236 coraggiosi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: