Vai al contenuto

Subway tiles

Donald Uhrbrock/Time & Life Pictures/Getty Images

Donald Uhrbrock/Time & Life Pictures/Getty Images

Incominciamo dalle Subway tiles, nome ficherrimo per definire le piastrelle diamantate.
Proprio quelle che furono create nel 1904 per l’apertura della metropolitana newyorkese dagli architetti Heins & LaFarge (qui per i più curiosi).

Ho pensato di partire da qui, come conseguenza di una chiacchierata con la mia mamma.
Qualche giorno fa lei e mio padre si sono dedicati al rito dell’aperitivo, cosa non rara!, in uno dei bar storici di Roma.
Ne è scaturita una telefonata alla sottoscritta: Non sai… siamo andati da Vxxxx… l’hanno completamente rifatto! Certo, io non capisco… hanno usato quelle piastrelle… sai quelle che andavano una volta, bianche, rettangolari, lucide…

Non ho replicato. Ma mi sono subito precipitata a prendere un cappuccino fotografico!


Eccerto! Sono proprio le piastrelle che sono tornate in auge in questo periodo!

Perché più ci si guarda intorno e più se ne vedono.
Riviste patinate di settore e non, siti di marchi di rivestimenti ceramici e non, Pinterest, blogs, bar, discoteche e case private… è tutto un pullulare di piastrelle diamantate.
Sembra che la morte loro sia utilizzarle bianche o nere, rettangolari, lucide, posate sfalsate (tipo muro in mattoni). Ottime per ottenere un effetto old style tipicamente anglosassone.

La mia opinione?
Corrisponde ad uno dei miei principi fondamentali: quando una finitura, un materiale, un colore, un arredo, un eccecc si vede ovunque, è già passato di moda. Se poi compare anche sui cataloghi Ikea, è arrivato il momento di passare oltre.
Preferisco utilizzare elementi immortali, piuttosto che facilmente riconducibili ad un epoca.
Quindi, le subway tiles mi piacevano. Ora, passerei oltre!

Dove acquistarle? Le trovate un po’ ovunque (non ancora da Leroy Merlin, ma temo che non manchi molto!).
Le producono, tra gli altri, Lea Ceramiche (serie Kensington), Ceramica Vogue (serie Interni), Fap Ceramiche (serie Pura), Etruria design (serie diamantata), Devon & Devon (serie Brick, Pitti, Simply).

Dick’s Pizza & Pleasure, by Slick+Design USA, Milwaukee

Dick’s Pizza & Pleasure, by Slick+Design USA, Milwaukee

industrial-kitchen-designs-10

skonahem

organizationCredits: cliccando sulle immagini!

6 risposte »

Dai, dai... dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Patrizia Burato a Roma, RM, IT su Houzz

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Sei curioso?

L'architettura a portata di mouse!

|architettura e formazione continua a portata di mouse|

Consigliato da Archidipity

|per non smettere mai di imparare|

Quanti siamo?

  • 339,786 coraggiosi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: