Vai al contenuto

Architè! La polvere!!

Eccoci alla ripresa delle rubrichette settimanali.
Per parlare di polvere.
L’architetto e la polvere: che sorta di relazione li coinvolge?

Ok, sappiatelo: l’architetto è sempre impolverato.
Se non lo è, insospettitevi.
Ça va sans dire che mi riferisco ad un riscontro durante l’orario di lavoro. Qualora dovesse essere impolverato anche nei suoi impegni serali e/o mondani… insospettitevi lo stesso!!!

Lo svolgimento di questa professione implica sempre un buon motivo per finire nella polvere. Quella polvere finissima che si insinua ovunque, che senti nel naso e nella bocca anche se non l’hai nè sniffata nè leccata.
Stai seguendo un cantiere in fase di demolizione? Ti impolveri. Tantissssssimo.
Stai seguendo un cantiere in fase di ricostruzione? Ti impolveri. Tanto. Perché gli operai aspettano il tuo arrivo per fare qualche traccia dimenticata (potrebbero anche non aspettarti perché mica gli serve l’architetto pe’ ffà ‘na traccia, ma altrimenti, dove sarebbe il divertimento? Divertimento per loro, ovviamente).
Sei arrivato a tre giorni dall’inaugurazione del suddetto lavoro? Ti impolveri lo stesso, perché gli scatoloni… i chiodi da piantare nei muri… le pulizie da fare all’ultimo momento… la stessa polvere del cantiere che continuerà ad affacciarsi anche a sei mesi dalla fine… Insomma, ti impolveri comunque.
Non hai nemmeno lontanamente incominciato il cantiere e stai ancora solo progettando sulla carta, seduto al computer con la melina? E ti impolveri comunque!!!

Perché capita che tu, da rilievo effettuato con le tue manine sante dotate di disto (qui il disto!) supertecnologico, abbia riscontrato delle anomalie nello spessore dei muri perfettamente incartati (ovvero ricoperti di carta da parati 🙂 ). Che, su disegno, pare che c’è un pilastro, ma anche no.
E che ti combina l’architetto all’avanguardia?
Va sul posto, dotato di scalpello e mazzetta (attrezzo che io adoro!), e demolisce/rimuove/buca/scarta/smonta fino a giungere ad una conclusione ben motivata.

Ebbene, io ORA sono impolverata. Ed il pilastro, no, non c’è.

14 risposte »

  1. Ma come mi manca tutto questo! Sai cosa penso ci sia di peggio di un architetto impolverato? Un architetto che non può più impolverarsi in un cantiere! Ergo la sottoscritta che la vita l’ha portata su altri lidi ! Ma l’architettura nonostante tutto riesce a tenerla ancora a galla!

    Mi piace

Dai, dai... dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Patrizia Burato a Roma, RM, IT su Houzz

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Sei curioso?

L'architettura a portata di mouse!

|architettura e formazione continua a portata di mouse|

Consigliato da Archidipity

|per non smettere mai di imparare|

Quanti siamo?

  • 339,786 coraggiosi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: