Vai al contenuto

Architè. Le nozze coi fichi secchi.

Non voler rinunciare a una cosa pur non avendone le possibilità; pretendere di fare qualcosa d’importante senza disporre dei mezzi adeguati, e quindi farla male, in economia, come un ricevimento di nozze a base di fichi secchi. Oppure, volere economizzare a tutti i costi. (dal Dizionario dei Modi di Dire, Hoepli Editore).

Ma perchè mai parlo di nozze e fichi secchi proprio proprio proprio nel post settimanale dedicato alla mia professione?
Per caso, ce l’ho su, come al solito, con qualche collega? No no no… 😈
Stavolta me la prendo con i Clienti!!!! 😈
E, nello specifico, con quelli che vogliono fare proprio le famose nozze con i fichi secchi.

Perché, caro Cliente, se ti rivolgi ad un architetto, indovina un po’? Lo devi pagà!!! Colpo di scena, eh?
E non è che, siccomeche c’hanno levato i minimi tariffari e liberalizzato le parcelle, io lavoro gratis.
E no!
Perché io ho faticato a diventare architetto, e manco poco.
Io, quel timbro che te metto sui disegni o sulle pratiche urbanistiche, mica l’ho vinto coi punti miralanza!
Se pensi che io non servo, e quindi nun costo, nun me chiama’ proprio!!!!

Sono lievemente alterata, ve’?
No, è che vengo da un appuntamento con degli ipotetici clienti. Che sono sbiancati quando hanno saputo che c’era anche una parcella, oltre al progetto fichissimo di ristrutturazione del loro living. Progetto che hanno, evidentemente, solo visto da lontano, quasi intuito 😆 (perchè io so’ furba e avevo già capito!!!).
In sintesi, ho fatto loro delle proposte sulla base di ciò che mi avevano richiesto. Ho poi incominciato a spiegare quale è il ruolo dell’impresa in una ristrutturazione (che è fondamentale per ottenere un buon risultato) e quale è il mio, proprio in contraddittorio con chi esegue i lavori. Ma loro mi hanno interrotta… perché a loro non interessa che l’impresa abbia un curriculum o delle credenziali o, udite udite, un’iscrizione alla Camera di Commercio: loro vogliono gli extracomunitari figli della loro collaboratrice domestica! Perchè hanno fatto un ottimo prezzo…
Palazzo della civiltà italiana, EUR, RomaE cosa è incluso in quel prezzo?, chiese l’architetto. Boh!, rispose il cliente.
E se poi ti dicono che quasi ogni cosa era esclusa?, chiese l’architetto. Non li pago!, disse il Cliente.
E se poi ti mollano a metà lavori?, chiese il solito architetto (farloccona lei!). Ne trovo altri!, disse il furbo Cliente.
MMMM… pensò l’architetto …questi me vojono trattà nello stesso modo…
E poi… pensò sempre l’arch ...che faccio io se l’impresa non esegue i lavori a regola d’arte? Se non c’è un contratto od un accordo chiaro, come faccio a farli lavorare? Ed io, dovrei accettare tutto questo per du’ soldi? E ci metto pure la mia professionalità e la mia bravura???
E me sà proprio de no!!!

Svilente. Avvilente. Demoralizzante.
Richiedere qualche euro per svolgere la tua professione e rilevare, tuo malgrado, che vieni considerato alla stregua di una banda di sudamericani che si sono improvvisati impresa edile, beh… che tristezza.
Ma, in fondo, oggi ho portato quel disegnino in scala 1:100 con due divani e un tavolino, cosa altro devo fare? Ho praticamente finito il mio lavoro, no?
Tra l’altro, disegnino che sarebbe in grado di fare chiunque. Già, proprio un bel coraggio a chiedere poche migliaia di euro per farlo più grande e per dire a due muratori come fare il loro lavoro!
Ma io lo dico da sempre: noi siamo un popolo di poeti di artisti di eroi di santi di pensatori di scienziati di navigatori di trasmigratori e di architetti (e pure di allenatori di calcio, ma questo è un altro discorso!)!!

Ps: i suddetti ipotetici clienti non sanno manco lontanamente dell’esistenza di questo blog!!!

 

13 risposte »

  1. Ti capisco e capisco come ti sentirai davanti a persone cosi…
    Una ragione in piu per non permettere a Mattia di pensare di fare l’architetto… (o l’inginiere,o il geometra, o il muratore o qualuncue altra professione che vuol dire costruire- la sua passione)

    Mi piace

    • In realtà il problema non è il costruire, ma la vendita di IDEE. Come scrive Andrea nel commento successivo, noi vendiamo le nostre idee, che non vengono però riconosciute come merce di scambio. Perchè non è chiaro che, per arrivare a quelle idee, noi abbiamo studiato e fatichiamo. Non sono delle illuminazioni divine, sono IDEE, di cui abbiamo anche tutta la paternità (o maternità!).

      Mi piace

  2. Ciao Patrizia,
    sono Andrea… Reconsult ricordi?
    Ti scrivo perchè mi è sto segnalato il tuo post da Carla e leggendolo mi sono rivisto nel tuo stupore e nelle tua delusione. Io ormai senza acconto faccio solo scarabocchi su biglietti da visita… Ma cacchio, vai dall’avvocato e… paghi, vai dal notaio e… paghi, vai dal dottore e… paghi, perchè mai dall’architetto non paghi? Una volta un cliente alle mie rimostranze sul mancato pagamento mi ha detto che in fondo io ho dato solo idee… Ma io ci campo dando ideee mica vendo lavatrici o tv.
    A prtesto

    Mi piace

    • Scusa, ti pare che non mi ricordo? 🙂 E grazie a Carla per la pubblicità!!!
      Per il resto… chettedevodì Andrè che tu già non sappia? Io sono avvilita, tanto avvilita.
      Ed anche un po’ schifata per l’ignoranza e l’appiattimento verso il basso, molto basso, di questa nostra società.
      Un abbraccio!!!

      Mi piace

  3. dai patti, non sei sola: ho appena finito un progettino in cui “dovrei” figurare solo come progettista perché direzione lavori e sicurezza la farà direttamente l’impresa…non so se mi spiego…e il cliente non è convinto che io gli abbia fatto un buon servigio ad avergli fatto spendere 300 euro per un computo metrico perché:” E’ direttamente l’impresa che mi deve far spendere meno inventandosi soluzione alternative”. Al che io mi chiedo: cartone al posto dei mattoni? sputo al posto dei collanti? aria al posto dell’isolamento termico? MAH… prendiamola sul ridere che è meglio e speriamo che almeno la cifra pattuita me la paghino: ti terrò informata

    Mi piace

    • Dopo il tuo commento ho bevuto un bicchierino di vino…
      Non mi consola non essere sola, anzi. E così sono le imprese i salvatori della patria… quella massa di banditi autorizzati???
      Non tutti, eh! Ma, guarda caso, proprio quelli che non hanno un buon rapporto con noi architetti……..
      aaaaaaaarrrrggggghhhhhhhhhhhhhh 👿

      Mi piace

  4. Ciao sono Lena, Come ti capisco! A me sembra che tutti vogliano qualcosa, ma non capiscono che quel qualcosa richiede tempo ed impegno quindi Lavoro, in cambio di…aria, fichi secchi chiamiamoli come vuoi. Tu nel campo dell’architettura, io nel campo delle recensioni, del giornalismo in generale e in altri cmpi ancora, uello della scenografia, dell’arte in generale ecc ec ecce questo è ingiusto.

    Mi piace

    • Hai ragione, il problema riguarda tutte quelle professioni che hanno a che fare con la creatività. Qualità che, sembra, non si acquisisce con lo studio e l’esperienza ma per bontà divina. E, se sei stato ‘illuminato’, perchè mai dovrei pagarti? bah bah bah

      Mi piace

  5. Ah ma guarda, almeno tu puoi dire che crei qualcosa, fai un progetto che deve essere realizzato, qualcosa di tangibile insomma. Prova a pensare la stessa pretesa verso uno psicologo. Che deve risolvere il grave problema di ansia di tuo figlio pero’ scusa cavoli, e ma lei costa troppo, mi aveva detto dieci sedute e qua ancora non si vede la luce.
    Certo caro mio, ma se te e tua moglie continuate a farvi la guerra e non andate da un terapeuta di coppia come avevamo concordato a ‘sto poraccio non gli bastera’ una vita.

    Mi piace

Dai, dai... dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Patrizia Burato a Roma, RM, IT su Houzz

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Quanti siamo?

  • 348,500 coraggiosi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: