Vai al contenuto

Architè! Il Disto.

Oggi scrivo dal mio studio di architetto.
Si, perchè oggi sono a studio

Già. A Roma si dice vado a studio, sono a studio, ecc ecc.
Ebbene, prima di partire con la filippica sull’ignoranza grammaticale dei romani (perchè io sono veneta, nata in Veneto, ma chi mi conosce sa bene che in realtà so’ pur’io romana de Roma ner profondo!!!!)… dicevo, prima di partire di improperi, ho dato un’occhiata alla grammatica italiana.
Ed ho scoperto che se po’ ffà! Non sto qui a riportarvi le regolette con le loro eccezioni, ma fidatevi: vado a studio si può proprio dire!

Disto, misuratore laser, Comunque, bando alle divagazioni!
Volevo annunciare alla popolazione intera del globo terraqueo che finalmente possiedo un Disto tutto mio!
L’ho sempre desiderato, sognato, agognato… ed ora finalmente è qui, sulla mia libreria.
Fino ad oggi lo prendevo in prestito da chiunque ne fosse dotato, sempre con timore reverenziale. Ma ora ho il mio!

Come? Non sento… sento delle voci da laggiù… cos’è un Disto???
Ma come, cos’è????
E’ lo strumento più fantastichissimo che possa esistere. E’ lo strumento che facilita la vita di tutti noi architetti, ingegneri, e pure geometri, và!
E’ quell’oggetto che, se acceso, fa una lucina rossa proprio là dove viene puntato. Bellissimo…
Quando avevo ancora il mio Beniamino (il mio adorato labrador nero) ci divertivamo così: io lo accendevo e muovevo la lucina, mentre lui cercava di catturare quello strano oggetto in movimento (perchè non capiva che era una luce!). Ci cadeva sopra con le due zampotte anteriori, le scostava piano piano… e la cosina rossa non c’era più!!! Povero paperotto peloso…
Però, però… il Disto non serve solo a giocare con i cagnolini (ed eventualmente i gattini).
In realtà ha uno scopo ben più nobile………………….

Dai, la smetto di scherzare, giuro (anche se mi sto divertendo da morire 😡 )!
Il Disto è… tadaaaahhhhh… un misuratore laser!
Lo accendi, lo punti, pigi un bottoncino e, hop!, la misura è scritta!
Niente fettuccia, metro rigido o flessibile. Niente lunghezze o altezze prese a pezzi, magari salendo su una sedia o arrampicandosi su un davanzale. Lui, il Disto, ha una portata fino a 60 metri, un’approssimazione di 1,5 mm e calcola perimetri, superfici e tante altre cose. E’ me ra vi glio so!!!!

A pensarci bene, l’ultima volta che mi sono così esaltata è stato quando ho visto una vera chiave inglese gigante… mamma, quanto so’ architetto…

21 risposte »

  1. Si…decisamente…sei proprio un architetto…e fidati conosco la sensazione…ovviamente non per il DISTO..che tra l’altro io sapevo gia’ cos’era ..tie’ 😛 (papa’ ingegnere quindi 😛 ) ma per qualsiasi istrumento appartenente ad uno studio dentistico…ogni volta che aggiungevo qualcosa al mio studio aveva la faccia di un cagnolino con la lingua fuori che gioisce al prato e al erba 🙂

    Mi piace

  2. Ooooh come ti capisco!! E’ anche il mio oggetto dei desideri, come potrebbe essere diversamente 😉 Una scatoletta magica. Io uso lo stesso modello, ma è del mio socio.Quasi quasi lo chiedo a Babbo Natale quest’anno!! (si mi sento molto Nerd) :p

    Ti leggo sempre con molto piacere, qualche sorriso me lo riesci a strappare sempre.

    Buona giornata.

    Vale

    Mi piace

Dai, dai... dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Patrizia Burato a Roma, RM, IT su Houzz

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

Quanti siamo?

  • 348,902 coraggiosi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: